Oggetto: TRATTENIMENTO IN SERVIZIO – NUOVE NORME

 

 

Si evidenzia che la legge 133/2008 ha apportato un’importante modifica in relazione ai limiti di età per il collocamento a riposo del personale dipendente dello stato. Infatti l’art. 72 al comma 7 cosi dispone “ all’art. 16 comma 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 503. e successive modificazioni, dopo il primo periodo sono aggiunti i seguenti << in tal caso è data facoltà all’amministrazione, in base alle proprie esigenze organizzative e funzionali, di accogliere la richiesta in relazione alla particolare esperienza professionale acquisita dal richiedente in determinati o specifici ambiti ed in funzione dell’efficiente andamento dei servizi . La domanda di trattenimento va presentata all’amministrazione di appartenenza dai ventiquattro ai dodici mesi precedenti il compimento del limite di età per il collocamento a riposo previsto dal proprio ordinamento>> .

Ai sensi di tale nuova disposizione il dipendente deve, prima di compiere i 64 anni, fare la domanda di trattenimento in servizio ai sensi del citato decreto legislativo e la richiesta può (oppure no) essere accolta dall’Amministrazione.

Appare chiaro che, in difformità della precedente normativa, la richiesta del dipendente è sottoposta all’accoglimento, successivo, dell’Amministrazione competente.  

Se il dipendente ha più di 64 anni non può richiedere tale beneficio.     

 

 

Legge 6 agosto 2008, n. 133

 

D.Lvo n. 503 del 30/12/1992 - art. 16 - comma I

 

16. Prosecuzione del rapporto di lavoro. - 1. E' in facoltà dei dipendenti civili dello Stato e degli enti pubblici non economici di permanere in servizio, con effetto dalla data di entrata in vigore della legge 23 ottobre 1992, n. 421, per un periodo massimo di un biennio oltre i limiti di età per il collocamento a riposo per essi previsti.